Eventi

Questa classe comprende gli avvenimenti realmente accaduti citati nel testo.

Non sono disponibili ulteriori informazioni.



1 | 2 | A | C | D | E | F | I | L | M | N | O | P | R | S | Tutti
  • 1 maggio 1253: Innocenzo IV scrive al Consiglio dell'Università
  • 1175 - Guglielmo II, re di Sicilia, invia nel porto di Alessandria d'Egitto una flotta come azione dimostrativa
    • Guglielmo II Re di Sicilia, detto il Buono, desideroso di far qualche prodezza contra de' Saraceni, che ogni dì più faceano progressi in Oriente colla rovina del Regno Gerosolimitano, sul principio di Luglio inviò in Egitto un'Armata di cento cinquanta Galee e di ducento cinquanta legni da traspoto per la Cavallaria. Annali Ecclesiastici, Tomo II (n. 4476), p. 13
  • 1219, luglio - Berardo, conte di Loreto, conferma i privilegi e le donazioni all'abbazia di Santa Maria di Casanova a Villa Celiera
    • si legge che Berardo figlio di altro Berardo Conte di Loreto e di Conversano essendo in età quasi maggiore confermasse a Santa Maria di Casa Nova, celebre Monistero de' Cisterciensi in Abruzzo, tanto il privilegio di libertà del q.m Conte Berardo di lui Padre, quanto ancora l'altro di donazione fatta dalla di lui Madre Contessa Margarita Annali Ecclesiastici, Tomo II (n. 4476), p. 50
  • 1225 - Federico II convoca i comuni per una dieta a Cremona per proporre una riforma dell'autorità imperiale
  • 1225, 9 novembre - Nozze tra Federico II di Svevia e Isabella di Brienne
  • 1225, 9 novembre - Nozze tra Federico II di Svevia e Jolanda di Brienne
  • 1226 - Federico II di Svevia giunge in armi a Spoleto e ordina al comune di unirsi a lui per la Dieta di Cremona
  • 1226 - Federico II di Svevia giunge in armi a Spoleto e ordina alla cittadinanza di unirsi a lui per la Dieta di Cremona
  • 1226 - Federico II di Svevia ordina ai baroni di radunarsi a Pescara per seguirlo alla Dieta di Cremona
  • 1244, 24 dicembre - Innocenzo IV a Lione chiede un giuramento di fedeltà ai cardinali riuniti in previsione della guerra contro Federico II
    • accordasse il Papa a i card.li per proprio ornamento il Cappello rosso, il quale significava che per difendere la libertà ecclesiastica dovessero bisognando ancor la vita porre, e specialm. in quel tempo, che veniva la Chiesa Romana molto da Federico travagliata Annali Ecclesiastici, Tomo II (n. 4476), p. 36
  • 1244, 28 maggio - Nomina di Pietro Capocci a cardinale con la diaconia di San Giorgio in Velabro a Roma
    • si legge che Innocenzo IV nella prima Promozione di Cardinali del 1244 fra gli altri nominò al num. 10 "Pietro Capochi" Romano, Diacono Cardinale del Tit. di S. Giorgio in Velabro, Legato in Alemagna, e Arciprete di S. Maria Maggiore Annali Ecclesiastici, Tomo II (n. 4476), p. 36
  • 1247, 4 ottobre - Elezione a re dei Romani di Guglielmo II, conte d'Olanda
  • 1248, 9 aprile - Nomina del cardinale Pietro Capocci a legato pontificio per il Regno di Napoli
    • il Papa Innocenzo IV. spedì Breve diretto a Pietro di S. Giorgio al velo d'oro, Diacono Cardinale, e Legato della Santa Sede Apostolica, e con Esso Breve lo dichiara Soprintendente Gente per gli affari del Regno di Napoli Annali Ecclesiastici, Tomo II (n. 4476), p. 35
  • 1251, 1 novembre - Innocenzo IV con una bolla promette protezione e nuovi privilegi alla città di Atri
    • con altra Bolla del p.mo 9mbre spedita da ql luogo assicura il nro Pubblico, che tenutosi in Perugia un Congresso co' suoi Card. Fratelli, avrebbe procurato favore, utilità, comodo e onore, esibendo di più aiuto, e benefizj maggiori da conseguirsi Annali Ecclesiastici, Tomo II (n. 4476), p. 49
  • 1251, 18 dicembre - Innocenzo IV con una bolla intima al Comune di Atri la restituzione delle proprietà di re Stefano V d'Ungheria
    • A 18 Xbre con una Bolla il Papa Innocenzo IV fa sapere da Perugia al nro Magistrato e Comune d'Atri che all'esposto supplichevole di Stefano V Rè d'Ungheria, figlio della Ch. Mem. di Andrea II detto il Gerosolimitano aveva prestato il benigno assenso; per la qual cosa espressamente ordina agli Uomini d'Atri che per la riverenza dovuta alla S. Sede Apostolica abbiano in tutti i modi a procurare l'effettiva restituzione al d.o Rè Stefano sopra le Case della q.m Maria, Contessa di Loreto, sua Ava, a cui Egli era succeduto in tutti i beni, o al procurator suo a di lui nome, nonostante le già dette Case per ordine del q.m Federico II un tempo imperatore, o de i costui Officiati fossero state a qualcheduno concedute Annali Ecclesiastici, Tomo II (n. 4476), p. 40
    • questi a 18 Xbre da Perugia minaccievole Bolla emanò contro il Magistrato, e Comune di Atri quantevolte non si adoperasse di far restituire al d. Re Stefano le abitazioni [che probabilm.te erano nella nra Città] Annali Ecclesiastici, Tomo II (n. 4476), p. 50
  • 1251, 19 settembre - Papa Innocenzo IV ordina a Pietro Capocci di intimare ai cittadini di Ascoli la restituzione dei beni e della libertà tolta alla città di Teramo
    • Commosso il Pontefice per l'atrocità di un tanto fatto commise a Pietro Tit. di S. Giorgio Diacono Card.le e Legato della Sede Apostolica, acciò colla prestezza maggiore restituisse nella pristina libertà il prenominato Vescovo, il Capitolo e la Chiesa Teramana e per il suo mezzo, e per quelli degli altri, e che forzasse gli Ascolani alla dovuta soddisfazione Annali Ecclesiastici, Tomo II (n. 4476), p. 40
  • 1251, 21 agosto - Innocenzo IV conferma con una bolla i privilegi economici concessi alla città di Atri dal cardinal Capocci
    • Altra Bolla dell'istesso Papa sopportata al num.o 26, e similm.te dettata da Milano a 21 Agosto, e che va diretta alla nra Università contenente le libertà accordate dal d. Card. Pietro per le gravi ingiurie sofferte dagli Adriani dalla parte de' Nemici e per i moltissimi danni e spese occorse Annali Ecclesiastici, Tomo II (n. 4476), p. 49
  • 1251, 30 luglio - Innocenzo IV conferma con una bolla i privilegi concessi alla città di Atri dal cardinal Capocci
  • 1251, 9 marzo - concessione di privilegi alla città di Atri
  • 1252 - Papa Innocenzo IV torna in Italia per muovere guerra a Manfredi, re di Sicilia
  • 1252, 12 marzo - Il cardinale Pietro Capocci con un privilegio unisce la diocesi di Atri a quella di Penne
    • A 12 Marzo il Card. Pietro, creato Vescovo d'Albano, trovandosi in Perugia, lascia fuori un Privilegio che dirigge al Capitolo, a tutto il Clero, e al Podestà, Conseglio e Comune della Città d'Atri. Con Esso privilegiostante la sperimentata sincerità degli Adriani inverso la Santa Sede, s'induce con ispecial mandato del Papa Innocenzo IV a decorare in nro luogo; eriggendo la Chiesa di S. Maria in Cattedrale, ed unendola a quella di Penne cosichè nell'avvenire fu nominato il Vescovado di Atri e Penne Annali Ecclesiastici, Tomo II (n. 4476), p. 52
  • 1252, 15 marzo - Unione delle diocesi di Atri e Penne
  • 1252, 2 aprile / Alla città di Atri è riconosciuta la qualifica di Città e la dignità vescovile
  • 1259, 18 maggio - Morte del Cardinale Pietro Capocci
  • 1292, 19 giugno: Papa Niccolò IV emana una bolla d'indulgenza a favore di coloro che si recassero nella Cattedrale di Atri nelle festività dell'anno successivo
    • Il Pontefice Niccolò IV da Civita Vecchia a 19 Giugno spedisce Bolla, in cui facendo grandiosi elogi alla Vergine Santissima, alla devozione della quale stimolando i fedeli particolarm.te: anima gli Adriani nostri accordando a Coloro un' anno, e quaranta giorni d'Indulgenza [ecco che bel bello ne cresce il numero] a tutti que' che confessati e contriti visitassero con divozione annualmente la Chiesa nra di S. Maria nelle festività di Natale, dell'Annunciazione, della Purificazione, e dell'Assunta di Maria Vergine, e per otto giorni seguenti alle sudd.te Festività, come pure nell'Anniversario della Dedica della riferita Chiesa. Ex Copia Bulla in tris documentis ad hunc annum Annali Ecclesiastici, Tomo II (n. 4476), p. 97
  • 1298, 22 ottobre - Carlo II d'Angiò dona l'antico palazzo situato a Capo dell'Arringo ad Atri all'ordine dei Domenicani
    • ne fece ampia donazione a PP. Domenicani acciochè avessero costoro potuto con i materiali del rovinoso edifizio perfezionare la fabbrica della Chiesa, come più distintamente il faremo chiaro all'anno sud.o 1298 Annali Ecclesiastici, Tomo II (n. 4476), p. 52
  • 1301/10/06: morte di Leonardo, Vescovo di Atri e Penne
  • 1302: compiuti i lavori del coro nella Basilica di S. Maria Assunta (Atri)
  • 1305: completamento della basilica di S. Maria Assunta (Atri)
  • 1309/05/12, morte di Carlo II d'Angiò
  • 1310/03/30, morte dell'abate Pietro
  • 1314: fondazione regia del convento degli Agostiniani a Città Sant'Angelo
  • 1321/01/04: morte del vescovo Bernardo
  • 1321/06/29: elezione di Raimondo a Vescovo di Atri
  • 1324/06/15: morte del Vescovo Raimondo
  • 1324/06/23: morte del canonico Corrado
  • 1324/09/15: morte del Vescovo Raimondo
  • 1326/04/06: morte del canonico Paolo
  • 1326/07/10: morte del canonico Gotiscalco
  • 1326: morte del vescovo Guglielmo da S. Vittore
  • 1328/03/26: morte di Giovanni Venturi, canonico
  • 1330/03/07: morte del canonico Bernardo Alloini
  • 1333/07/09: morte dell'abate Rogerio
  • 1333/07/13: morte di Jacopo Alpercioti, canonico e sacrista
  • 1343/12/11: morte del Canonico Roberto di Scorrano
  • 1344/07/01: morte di Roberto di Torre di Adria, scrittore e abbreviatore apostolico e canonico di Adria
  • 1344/07/01: morte di Roberto di Torre di Adria, scrittore e abbreviatore apostolico e canonico di Atri
  • 1352/07/20, morte del vescovo Nicola
  • 1352/11/09, nomina di Marco Ardinghelli a vescovo di Atri
  • 1361, trasferimento di Marco Ardinghelli alla diocesi di Camerino
  • 1372, morte di Marco Ardinghelli
  • 1372, morte di Marco Ardinghelli

torna ad inizio pagina